f
Fb. In. Tw. Yo.
Image Alt

Harimag

L’odore della moda: tra tessuto e profumo

Ti sei mai chiesto se tra i diversi mondi di moda e profumo ci possa essere un legame? La similarità tra moda e profumo sembra essere abbastanza semplice: li indossiamo entrambi sul nostro corpo. I due universi sono strettamente legati, da sempre s’intrecciano e vivono un legame indissolubile tra bellezza visiva e olfattiva. 

Il profumo

ll profumo non è solo un ‘accessorio da indossare’, in realtà è molto di più. Rappresenta la quintessenza della nostra personalità, il quid che ci contraddistingue e ci rende unici.

Cos’è e come nasce una fragranza

La realizzazione di un profumo è un atto puramente artistico, in cui sensazioni, creatività, perseveranza e un pizzico di genialità si fondono.

Per la realizzazione di un profumo occorre combinare dalle 30 alle 80 essenze; è importante saper dosare le quantità di ogni singolo elemento, affinché questi si armonizzino e si raggiunga una perfetta alchimia.

Gli ingredienti che compongono una fragranza sono:

  • Acqua distillata
  • Alcool naturale
  • Essenze

Le materie sintetiche sono necessarie in quanto garantiscono al profumo di non deteriorarsi nel tempo e soprattutto di non mutare, ma sono le materie prime a determinare l’essenza. 

Il primo passo per la creazione di un profumo è la scelta delle essenze, derivanti da fiori o piante.

Una volta raggiunta la fragranza desiderata, si passa alla diluizione nell’alcool.

I primi profumi nell’ambito moda 

Da sempre i più grandi stilisti e designer si spingono nell’universo della profumeria, probabilmente per dare un tocco di glamour in più al brand.                                      Nel ‘700 in Inghilterra ebbe inizio la consuetudine di regalare un profumo a chi acquistasse un capospalla: è la prima strategia di marketing sensoriale. 

Paul Poiret: il primo stilista che si dedica alla produzione di profumi         

Paul Poiret fu il primo stilista che nel 1911 che percepì l’indissolubile legane fra questi due mondi.                                                                                                                                       Lo stilista iniziò a produrre profumazioni per il suo brand, lanciando “Parfums de Rosine”, dal nome della figlia.                                                                                                 

Paul Poiret per il lancio della fragranza, organizzò un sontuoso evento, in cui al termine alle signore venne regalato un flacone del profumo ‘Nuit Persiane’.            Con questo stratagemma, Poiret è stato un esempio per gli stilisti futuri fino ai nostri giorni.

Una fragranza senza tempo: Chanel N5                                                                                                                   

La potenza del rapporto tra moda e profumo è particolarmente evidente con Chanel N5. Nel 1921, l’imprenditrice Coco Chanel crea il profumo più venduto di sempre, che si rivelò la maggiore fonte di guadagno della Maison francese. Fuso con la fragranza di una dozzina di rose di maggio, mille fiori di gelsomino e 77 aldeidi. Chanel N5, la creazione del profumiere Ernest Beaux, è il primo profumo a incorporare l’ingrediente sintetico aldeide. Quest’ultimo si distingue come un connubio tra moda, marketing e fragranze.

Un piccolo bene di lusso

Come affermato da Cosmetica Italia, il settore della profumeria non registra cali nelle vendite, bensì un aumento, con un valore di spesa che si aggira intorno ai 1.100 milioni di euro in Italia. ll consumatore non intende rinunciare alla sensazione di benessere data dall’acquisto di un piccolo bene di lusso facilmente accessibile.

Tendenza ‘green’: una vera e propria sfida 

Guardando al futuro, la nuova parola chiave sarà “eco-luxury”, cioè prodotti di lusso con ingredienti organici ed eco-sostenibili.  Anche le fragranze tendono al rispetto dell’ambiente.

Il tema della  sostenibilità è ormai così importante che non rappresenta più solamente una tendenza, ma un vero e proprio must. Il percorso è ancora lungo, ma qualche innovazione è già stata messa in atto. Molte fragranze sono state realizzate con ingredienti puri e vegetali. Inoltre è stato ideato anche un altro metodo di recupero: riciclare foglie, gambi e semi di un fiore dopo aver utilizzato i petali per ricavarne l’essenza. Questa rappresenta la vera nuova sfida per le fragranze del futuro.

Per te

Ancora non hai trovato un profumo adatto a te? Ti propongo una scaletta con i migliori profumi femminili di sempre!

Corinne Roccella

Post a Comment

You don't have permission to register