FEB 17 2012

Studentesse dell'Harim alla Couture Fashion Week di Londra



Chiudete gli occhi ed immaginatevi a Londra, al lussuoso Regency Hotel, nell'esclusivo quartiere di South Kensington, zona tra le più ricche ed eleganti della capitale inglese,  insieme ai più grandi designer internazionali, ad un pubblico posh e VIP, con il sottofondo di una musica easy-jazz. Se siete Eva Cammarata, Sonya Andrea Chiaramonte, Melina Zumbo, Valeria Sterrantino, Ivana e Ylenia Parasiliti questo sogno... è realtà!

Sì, perchè queste nostre ex studentesse dell’Accademia Euromediterranea sono state scelte per partecipare alla Couture Fashion Week di Londra, in una giornata interamente dedicata ai designer dello stivale e al Made in Italy che si terrà oggi, 17 Febbraio 2012! Guardate a questo link il cartellone dell'evento!

 


 
Stili e collezioni molto diverse e distintive che proviamo a riassumervi in poche righe in questo articolo, e che hanno già suscitato l’interesse di importanti magazine internazionali, come Tatler, oltre al canale televisivo di moda Fashion One, official media sponsor dell’evento.
 
Valeria stupirà tutti con i pezzi della sua collezione high-tech Avatar, già molto apprezzata dal pubblico del Madeinmedi per le sue stravaganze surrealistiche, ispirata alle atmosfere fantascientifiche dell’omonimo film di James Cameron. “E’ un sogno che si avvera!” dichiara con un sorriso smagliante sul viso. I suoi abiti trasformano la passerella in un’esperienza sensoriale, grazie soprattutto all’utilizzo che fa dei led e di colori iridescenti e magnetici che sembrano usciti fuori dal magico pianeta Pandora!

 



Melina presenterà invece la sua “Nexus i_sole che si intrecciano”, la cui filosofia si basa sull’inedita fusione tra Giappone e Sicilia. La sua sarà “una sfilata-spettacolo: la mia identità, giacché moda e teatro sono le mie due più grandi passioni”, e verrà anticipata da un attore in kimono che simulerà il sorgere del sole. Melina assimila la donna sicula alla geisha, entrambe dedite ma non sottomesse al loro uomo, sensuali, eleganti ma mai volgari. Dalle linee morbide e semplici ma ricchi di trasparenze, i suoi capi orientaleggianti nascono senza cartamodello, direttamente sul busto di chi dovrà indossarlo: “La stoffa nasce sulla modella, senza alcuna intromissione tra essa e la sarta”.

 


Sonya mostrerà a tutti Rule the world, il remake più vendibile della sua collezione futuristica Ruler, presentata al MADEINMEDI nel 2010. “Ho operato una sorta di evoluzione urbana” - ci racconta e, qualora temeste che Sonya abbia perso quello spirito con il quale i suoi abiti di scena ci hanno lasciati senza parole, ci assicura - “Tranquilli, ho conservato i tagli a goccia e le righe di Ruler, aggiungendo però nuovi tessuti come la lana e la seta”.

 



Ivana emozionerà con “Love Sixties”, la collezione primavera/estate ispirata ai favolosi anni ’60 e dedicata ad una donna giovane, dal carattere forte. Lo dimostrano la scelta di materiali innovativi come lo skai e di colori come il verde, il rosa o il giallo che, combinati al bianco, trascinano le linee essenziali e le giocose sovrapposizioni tessili dei suoi abiti in un’euforica esplosione cromatica.

 



Eva, che a Londra sarà sia organizzatrice che disegnatrice, presenterà invece la sua nuova collezione di abiti da sposa “Angelica” che, come la collezione precedente ispirata ai dolcetti siciliani, verrà realizzata con materiali puri, organici e atossici, come i filati del latte che, oltre ad essere belli e comodi, idratano la pelle. Avrete sicuramente già visto la sua videointervista qui su Harimag!
Già celebre qui su Harimag anche Ylenia, che accompagnerà i meravigliosi abiti di Eva con i gioielli di “Le Ali della Memoria”, lavoro concentrato sul tema degli angeli e dei ricordi. Ne abbiamo già pienamente parlato sul nostro vecchio blog in un’intervista ripresa anche nel suo sito personale,  Le Ali della Memoria.

***

In attesa del loro ritorno per sapere com’è andata questa meravigliosa esperienza, incrociamo le dita per loro e gli auguriamo un grosso in bocca al lupo!


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...