LUG 31 2013

Ylenia Parasiliti, designer del gioiello



Instancabile la nostra Ylenia Parasiliti. Da quando si è diplomata in Design del gioiello all’Harim Accademia Euromediterranea, il suo nome, e la sua creatività, vengono spesso richiesti in eventi e sfilata e premiati in concorsi nazionali e internazionali. Lo scorso aprile infatti Ylenia era, insieme alla cugina Ivana, tra i 30 finalisti del "Roberto Capucci per i nuovi designers. Oltre (a)gli abiti-Il design prende una nuova piega mentre a giugno, al MADEINMEDI 2013, il suo “Intreccio” si è aggiudicato il terzo premio al contest “Design in Corso”. Non contenta, qualche settimana dopo si è classificata fra i finalisti del concorso Moda Etica organizzato dagli Artigianauti, per il settore "Bijoux e Gioielli". 

 

 

Domenica 28 luglio, invece, visitatori e curiosi hanno potuto ammirare i suoi capolavori, tutti insieme, all’interno del suggestivo borgo di Roccavaldina, in occasione della V edizione dell’evento “Di Cortile in Cortile”: itinerario culturale, artistico, musicale ed enogastronomico organizzato dall’Ass. Antares Onlus e che ha ospitato, insieme ad Ylenia, numerosi artisti ed artigiani.

 

 

 

 

Collezioni già conosciute e rivisitazioni dei suoi primi gioielli, realizzati con la tecnica della fusione a cera persa e con montaggio e materiali diversi da quelli originali: le perle, il quarzo rutilato, l'angelite e il cuoio nero intrecciato.

Insieme a loro, nuovi pezzi inediti, che non appartengono ad alcuna collezione e che Ylenia ha realizzato con le tecniche dell'oreficeria da banco servendosi di rame (a volte satinato altre martellato e ossidato a caldo con pietre dure), corallo, perle di varie colorazioni e pietra lavica accostati al metallo, la pelle e i lacci di tessuto colorati. 

 

 

 

Quanta strada dal suo primo MADEINMEDI, quando ha emozionato il pubblico con il suo primo lavoro, concentrato sul tema degli angeli e dei ricordi: “Le Ali della Memoria”! Brava Ylenia, non smettere mai di inseguire i tuoi sogni!

 


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...