MAG 09 2012

Addio Marilù Fernandez, signora del corallo



E' proprio vero: Marilù Fernandez, la signora dei coralli, si è spenta all'età di 66 anni. Tante le donne dello spettacolo che hanno indossato i suoi gioielli: Sabrina Ferilli, Katia Ricciarelli, Carla Fracci, Manuela Arcuri. Una sua creazione ha premiato il premio nobel Rita Levi Montalcini. Noi l'avevamo intervistata lo scorso 8 Settembre per il nostro vecchio blog, Harim Network, e anche quest'anno avremmo ospitato i suoi splendidi gioielli durante il MADEINMEDI. Ve la riproponiamo qui e la salutiamo con commozione e affetto, ringraziandola per aver dedicato tutta la sua vita a far rinascere la bellezza con i suoi fantastici guerrieri di corallo.

 
 
E' di sangue blu ma predilige il rosso, quel rosso corallo che ha reso le sue creazioni famose in tutto il mondo. E' Marilù Fernandez, la Signora del Corallo, e noi l'abbiamo intervistata di ritorno dal Copenhagen Jewellery Fair 2011, la manifestazione fieristica scandinava più importante per il settore della gioielleria.
  • Signora Fernandez, ci racconta come è iniziata la sua avventura nel mondo del gioiello?
Ho fatto studi artistici ed ho sempre amato l'arte. La passione per il gioiello è stata un evoluzione naturale della mia creatività, anche legata ad un amore sviscerato verso tutte le cose piccole: gioiellini, minuterie, cianfrusaglie e ricordi.

  • Qual è stato il primo gioiello che ha disegnato?

    Una collana di corallo.

  • Qual è stato finora il giorno più bello della sua carriera? Perché è così indimenticabile?
Nel 1991. Il giorno in cui sono stata invitata dal Principe Ranieri al Museo Oceanografico di Monaco ad esporre i miei gioielli per una mostra sul corallo, e in cui mi hanno comunicato che una mia creazione era stata scelta come simbolo della mostra per l'emissione di un francobollo commemorativo. Leggevo la lettera con mio marito Giorgio e non ci credevo: mi sembrava di sognare, di vivere in una favola.
  • Qual è la creazione a cui è più legata? Ci racconta da cosa è nata e perchè la ama particolarmente?

Sono molto legata a tutti i gioielli, sono tutti parte di me. Sono il mio gioco: mi diverto, li smonto e rimonto mille volte fino a quando non ho trovato la loro perfetta fisionomia. Il mio preferito è una collana con un grosso ciottolo di corallo centrale, montato in oro con diamanti. Non me ne separo mai e ogni volta che lo indosso mi sembra sempre la prima. Ho anche un piccolo anello con una rosa di corallo che mi ha lasciato mia madre. Anche quello fa parte di me ed è stato il mio primo corallo.

  • La definiscono "la Signora del Corallo". Cosa l'ha spinta, la prima volta, a prediligerlo tra tutti gli altri materiali e cosa la spinge ancora adesso a metterlo sempre al centro della Sua ricerca estetica?
La forza, l'energia e il colore naturale che possiede. Nessun'altra pietra ha le stesse proprietà. I diamanti o le perle sono naturalmente belli, mentre il corallo ti seduce e ti travolge con la sua personalità. Non mi scosterò mai dal corallo, sono siciliana, mediterranea, fa parte della nostra terra e cultura. Si può non apprezzare per un fatto estetico, ma non per un fatto ecologico/ambientale. Oggi la pesca e il commercio del corallo sono controllati e gestiti nel rispetto dell'ecosistema, per cui tutte le speculazioni che si possono fare sono cialtronerie. Il corallo c'è, esiste, è vivo e va indossato!
  • Ha dichiarato che il corallo racchiude in sè 3 regni: vegetale, animale e minerale. E' per questo che preferisce non distruggere mai i rami di corallo ma lasciarli nella sua forma naturale?
Il ramo è un disegno geometrico unico, è modellato dalla natura e concepito dal Signore, perché distruggere qualcosa di così perfetto?
  • I suoi monili sono conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, indossati da molte personalità dello spettacolo come Sabrina Ferilli, Katia Ricciarelli, Carla Fracci, Manuela Arcuri. Ha addirittura premiato con una propria creazione il premio Nobel Rita Levi Montalcini. C'è ancora qualcuno che vorrebbe ammirare con addosso una sua creazione?
Nessuno in particolare, i miei gioielli vanno indossati da donne di personalità, con carattere, piene di amore e femminilità. Se potessi viaggiare nel tempo vorrei farne uno per Evita Perón e Donna Franca Florio.

  • Le tematiche da Lei scelte sono spesso legate alla tradizione mediterranea e al mito. Basti pensare alla sua collezione intitolata "il Regno delle Due Sicilie" o alla scelta dei colori accesi e forti che richiamano la Sicilia e la Spagna. Da cosa traerà l'ispirazione per la sua prossima collezione?

Segreto! Ma la Sicilia è una terra meravigliosa piena di ispirazione e anche di vulcani... Inutile fare previsioni, quando l'ispirazione arriva è impossibile fermarla. Mi capita di scegliere un tema ma poi in corso d'opera cambio tutto e stravolgo le produzioni per cercare di dare libero sfogo al mio universo creativo. Le collezioni in sé potrebbero chiamarsi tutte con lo stesso nome, ma per un fattore lavorativo ritengo necessario distinguerle. La creatività alla base è la stessa, cambia il momento storico, per cui è giusto distinguerle tra loro con nomi, storie e significati diversi.

  • Il contatto con la gioielleria internazionale, visti i suoi numerosi viaggi, ha un'influsso importante all'interno del suo processo creativo, oppure cerca di rimanere sempre fedele ai capisaldi della tradizione mediterranea?
Il confronto è sempre utile, viaggiare ti apre la mente. Tutti noi artisti siamo molto gelosi delle nostre cose e ci riteniamo migliori dell'altro, questo ci aiuta ad evitare processi di contaminazioni.

La mia esperienza con l'Accademia Euromediterranea è sempre ottima. E' una realtà meravigliosa, per fisionomia ed organizzazione. Sono felice che in Sicilia ci sia la possibilità di un confronto costruttivo che accorpi giovani e meno giovani.

 

 
  • Sappiamo anche che ha realizzato dei quadri che ritraggono dei visi senza lineamenti, incorniciati da rami di corallo. Come mai questi visi non hanno espressione?
Cerco di dare ai volti di donne una proiezione personale in modo che chi osserva il quadro come in uno specchio possa riflettere sé stesso.
  • E' appena rientrata da Copenhagen per la Jewellery Fair che l'ha vista impegnata dal 25 al 28 agosto. Ci racconta com'è andata?

Ottima esperienza. Il Nord Europa, anche se per gusto un po' diverso dal nostro, si rivela sempre apprezzare la qualità e l'originalità del prodotto made in Italy.

  • Continuano i successi, nazionali e internazionali. Quali sono i suoi prossimi impegni?
A Settembre parteciperemo in sequenza al "MACEF Milano", "Vicenzaoro Choice" e "Fashion Coterie New York", poi seguirà il resto ma per ora meglio non pensarci...

  • Infine, darebbe qualche consiglio a un giovane design che sta compiendo i primi passi nel settore del bijou? Cosa dovrebbe fare e cosa, invece, dovrebbe evitare?

Studiare tanto e dare sfogo alla creatività come quando si è bambini, senza smettere di credere nei sogni, cercando di essere attenti a non avere fretta e accettando i sacrifici. Non vorrei scadere nella banalità ma una ripassata alla favola di Cappuccetto rosso si può rivelare molto utile!  

 


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...