Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.harim.it/home/magazine/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.harim.it/home/magazine/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 32
FEB 11 2012

"Siculamente" Missoni: Vincenzo



 

vincenzo1-castdiva

 

Abbiamo intervistato Vincenzo Amato, modello siciliano per Missoni durante la fashion's week men S/S 2012. Ecco le sue opinioni riguardo questa fantastica esperienza lavorativa.

 

- Quali pensi siano state le qualità che ti hanno permesso di sfilare per un nome importante come Missoni?

- Qualità? Quali? Ho avuto un' incredibile fortuna! Scherzi a parte... Il “modello Missoni” ha spesso le stesse caratteristiche: colori chiari, lineamenti marcati, fisico longilineo. Ci assomigliavamo un po' tutti a dire il vero. Ci avranno scelto per questo?

 

- Il mondo della moda, in Italia, predilige i modelli stranieri, soprattutto dei paesi dell' est. L'hai riscontrato durante la tua esperienza?

-Si, decisamente.

vincenzo-castdiva-missoni

- Come giudichi questo fatto?

- Sono scelte stilistiche, non mi sento di giudicarle. Ma penso che spesso la fisionomia straniera rispecchi di più le caratteristiche ricercate dagli stilisti. Certo ... preferirei che ci fossero più chances per noi modelli italiani, escludendo il mio caso.

 

- Sono più “fortunati” i modelli stranieri allora … Onestamente: pensi che gli italiani abbiano da invidiar loro qualcosa?

- No. Noi italiani non abbiamo niente da invidiare a nessuno. Se i ragazzi stranieri trovano più facilmente lavoro come modelli è solo per il gusto personale dello stilista.

 

- Un' esperienza importante dunque. Sei soddisfatto?

- Molto. E' stato fantastico, tutto: un bellissimo ambiente lavorativo, nessuna competizione tra noi modelli. Per non parlare dello staff: eccezionale. Spero di poter lavorare ancora con loro per la prossima fashion' s week.

 

Miriam Rapisardi


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...