SET 16 2013

Migration Duck: la natura ribelle di Marilena Mandanici



“I miei lavori, dove li vedo? Chi sono? Cosa vogliono trasmettere?”. Queste le domande in cui la neodiplomata in Fashion Design all’Harim Accademia Euromediterranea Marilena Mandanici si è immersa prima di dare vita alla sua Migration Duck, una collezione in crêpe di seta, piume e pelle lavorata a mano ispirata ad uno dei fenomeni più inspiegabili e misteriosi della natura: la migrazione degli uccelli. 

 

 

Una specie, in particolare, è diventata il fulcro della sua collezione: l’anatra nera, un animale in via d’estinzione che ha attirato su di sé numerose leggende, in particolare per la sua abitudine di sparire completamente per alcuni mesi l’anno sostituendosi ad un roditore che sembra apparire al suo posto, quasi fosse la sua incarnazione. Ad ispirarla la natura, dunque, ma una natura ribelle e incontrollabile, assolutamente affascinante. 

 

 

Migration Duck è frutto di un’appassionata ricerca e un accurato studio dei percorsi migratori e delle figure che gli storni di uccelli formano danzando nel cielo, viste dall’alto e riportate accuratamente su capi total black dai tagli minimal; prima attraverso il disegno poggiato sul cartamodello e ricalcato con la cera sul tessuto, poi intagliando la pelle con il bisturi, stampandola e lavorandola a mano. 

 

 

“E’ stato un lavoro di sperimentazione piuttosto complesso.” ci racconta Marilena. “La pelle non si può intelare, sottoporre al ferro, ne aprirne le cuciture, così ho creato le pieghe fisse con il vapore. Le piume poi: 290, tutte cucite a mano, una ad una in tre punti, per ricoprire completamente e accompagnare le forme del corpo.”

 

(ph.Cinzia Incorvaia - MADEINMEDI 2013)

 

Lavoro minuzioso, attenzione ai dettagli e un’innata e reverenziale predilezione per l’artigianalità: questi gli aspetti che contraddistinguono Marilena Mandanici come fashion designer e di cui si rende testimone orgogliosa descrivendo come ha ricoperto lo scheletro del corpetto e la curva della gabbia costituita da stecche. “Volevo che ricordassero perfettamente il piumaggio, ecco perché sono così fitte!”

 

(Mostra "Notte Antiqua" - Barcellona Pozzo di Gotto)

 

Borse, cinturini, accessori e scarpe ricamate con passamanerie. Niente è lasciato al caso, forse solo qualche taglio al vivo... ma è una sfaccettatura importante che rende il tutto più forte, passionale, selvaggio. Il risultato è una collezione che ti colpisce ed emoziona, ideata per donne forti che amano osare e che non hanno paura di spiccare il volo... proprio come lei!

 


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...