MAR 06 2013

Focus on: Moda Uomo a/w 2013/2014



Si è già conclusa a Milano la settimana della moda maschile, la quale accoglie le novità che arrivano direttamente da Firenze, dal Pitti immagine-83esima edizione.

Quest’evento appassiona, come ogni anno, gli amanti del fashion, i quali attraverso questi incontri hanno la possibilità di confrontare o criticare le proposte viste in passerella per la futura collezione inverno 2013/14.

Visitando qualche blog di moda, la mia attenzione è caduta sulla novità dei materiali di cui tutti parlano e sull’alta sartorialità a cui i maggiori brand italiani si sono dedicati, realizzando dei capi dalle linee pulite ed essenziali. Il risultato? Un look sofisticato a qualsiasi ora del giorno o della notte, un look un po’ retrò, ma originale e fresco in ogni dettaglio.

Miuccia Prada infatti ha puntato su una collezione più umana, lontana dal glamour, adatta ad un uomo che vuole crescere e informarsi, insomma, un uomo curioso. La semplicità sembra essere stata la sua arma vincente, anche se a parer mio gli outfit da lei realizzati, ove il rosso è abbinato all’azzurro, sono una scelta alquanto “normale”  sebbene di grande impatto per le giacche anni 60/70 dal sapore vintage. Dolce&Gabbana, invece ha voluto consacrare la sua amata Sicilia puntando su una collezione ricca di lavorazione, ricami e pizzi dove l’immagine della Madonna è stata la chiave principale della sua linea maschile. Hanno voluto puntare sui pantaloni a vita alta, panciotti in seta e velluto e giacche floreali. Perfino Giorgio Armani ha utilizzato il velluto, protagonista di una serie di capi: giacconi a doppio-petto, blazer dal taglio elegante abbinati a camicie dai tagli puliti e dai colori sobri. Interessante l’idea di lavorare i pull in lana con trama arlecchino multicolor e i cardigan oversize. 

 

(Valentino - Moncler - Prada)

 

Raffinatissimo l’uomo Gucci per i vestiti dalle forme classiche sebbene rivisitate dal punto di vista della grande direttrice artistica Frida Giannini: giacche a doppiopetto con bottoni in oro e argento, blazer a tre bottoni in lana colorata, pantaloni classici e morbidi. Un look semplice, per nulla ricercato, ma reso unico grazie agli accessori realizzati con materiali pregiati. 

Interessante la proposta del futur military per l’uomo Moncler, così come Valentino che ha incantato tutti risultando la collezione più elegante per la sua essenzialità con un aplomb modernista, anche se il total check risulta esageratamente eccessivo per l’uomo contemporaneo. Dsquared2 si è caratterizzato per i suoi tocchi preppi con pantaloni che arrivano alle caviglie, a volte morbidi e per i jeans abbinati a giacche e cappotti sartoriali, ottenendo un look moderno,comodo,d’effetto ricavato dall’unione di tessuti eleganti quali l’angora e l'astrakhan. Quanto ad Etrò, che dire? Sensazionale.Una collezione che spazia da un rinnovato dandy ad uno stile bohémien, un po' astratto e un po’ punk.

Anche Ferragamo ha puntato sui capispalla, importanti e di carattere, ma il chiodo abbinato con la cravatta lascia alquanto perplessi. Geniale l’idea di Vivienne Westood che ha voluto realizzare una mascherina antismog abbinata agli outfit maschili, ormai quasi necessaria.

 

(Gucci- Armani- Etrò)

 

 

Diesel, invece, si è indirizzato su uno stile dark chic con look total black, accoppiati a giacche dal color prugna e blu notte, rese lucenti grazie all’accoppiamento di stoffe preziose come la seta.

I suoi capi dalle linee rigorose ed i pantaloni slim sono gli outfit per il giorno, mentre al contrario per la sera propone camicie stampate e gilet  componendo uno stile più elegante. Capi maculati per Burberry, che sembra copiare un po’ ( solo un po’?) Roberto Cavalli. Per quanto riguarda gli accessori visti sulle passerelle milanesi, le borse degli uomini sono state trasformate in veri e propri bagagli a mano abbinate a scarpe di pelle o in vernice bicolor per Armani che, come Dolce&Gabbana, ha optato per scarpe stringate anch’esse bicolor, ma dalle tonalità scure. 

Insomma i grandi brand italiani hanno conquistato l’attenzione dei media e degli invitati, affascinati dal nuovo gusto di vestire l’uomo della prossima stagione invernale. L’uomo elegante, curato nei dettagli, sobrio, ma allo stesso tempo reso particolare grazie al gioco dei contrasti tra colori e tessuti.  Lo sappiamo, non c’è niente di più bello che aprire il proprio armadio e indossare capi perfetti, che valorizzano il nostro corpo e la nostra immagine, aiutandoci ad affrontare al meglio le giornate stressanti della vita quotidiana, e loro ci sono riusciti, anche se con qualche pecca. Le idee proposte ci hanno fatto innamorare di quest’uomo contemporaneo e noi non aspettiamo altro che vederlo “esibirsi” sulle strade della città, un po’ elegante dal sapere colto, ma moderno nei dettagli!

 

Marzia Gisella Sapienza

 

 


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...