Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.harim.it/home/magazine/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.harim.it/home/magazine/plugins/content/jw_simpleImageGallery/jw_simpleImageGallery.php on line 32
GEN 11 2017

Il grande evento: Pitti Uomo 91!



Pitti Uomo è arrivato alla 91esima edizione, come da appuntamento fisso, il famosissimo salone si terrà alla Fortezza del Basso di Firenze, fino a venerdì 13 gennaio. Saranno presenti al grande evento circa 1.200 marchi di abbagliamento maschile, di cui la metà provenienti dall’estero. Sono 16 le tappe in cui si articola il percorso dentro la moda uomo: Pitti Uomo, Make, Pop Up Stores, Eye Pop, Fashion At Work, HI Beauty, Futuro Maschile, Touch!, l’Altro Uomo, Born in the Usa, Unconventional, Open, The Latest Fashion Buzz, I Play, Urban Panorama e My Factory. Si prospetta un grande successo data l’affluenza di visitatori all’ultima edizione e i compratori della scorsa collezione invernale, 24.800 di cui 8.800 i buyer dall’estero.

 

 

Pur essendo una consuetudine questo appuntamento, la 91esima edizione ha già riservato delle grandi sorprese! In continuo cambiamento, Pitti Uomo cattura i mood della moda e li fa rinascere presentandoli come progetti inediti. Importantissimo sarà il superamento del dualismo tra fiera e fashion week, insieme infatti, cercheranno di conciliare ricerca stilistica e concretezza per il mercato. I protagonisti saranno le grandi aziende della tradizione che vogliono proiettarsi al futuro, i nuovi talenti del fashion design e i brand in ascesa, fino ad arrivare a nuovi mondi del menswear, geograficamente lontani e quindi da noi sconosciuti. Avverrà anche il grande debutto di nuove sezioni come HI Beauty – dedicato al mondo di profumi, fragranze e del personal care, che raccontano anch’essi gli stili e le anime della moda uomo oggi.

 

 

Pitti Dance Off è il tema-guida dei saloni invernali di Pitti, con il motto “Dimmi come balli e ti dirò come vesti”. Nuove collezioni che danno espressionedi sé, del proprio corpo, dell’energia e del piacere di esibirsi e del non passare inosservati. Pitti interpreta con il ironia e con uno sguardo proiettato nella tradizione della street dance e dei suoi contest. L’allestimento è a cura di Oliviero Baldini. Regia e fotografia di Dennison Bertram, consulenza creativa di Gloria Maria Cappelletti per Cloy, produzione di Morena Russo per Connecting dot e la coreografia di Nicolò Besozzi.

 

 

Lunedì 9 gennaio il Centro di Firenze per la Moda Italiana ha presentato l’evento di pre-apertura con l’inaugurazione della mostra fotografica “Fashion in Florence through the lens of Archivio Foto Locchi”: 100 rarissimi scatti dagli anni ’30 ai ’70 del Novecento raccontano la storia della moda a Firenze, un progetto nato dall’incontro tra l’Archivio Storico Foto Locchi, il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, il Centro di Firenze per la Moda Italiana e il gruppo editoriale.

 

Foto dall'archivio Foto Locchi.

 

 


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...