APR 13 2017

Louis Vuitton e Jeff Koons per una nuova capsule collection



 " Cerco di essere un artista sincero e cerco di mostrare un livello di coraggio. Mi piace questo. Io sono un messaggero.” (Jeff Koons)

L’artista statunitense Jeffrey Koons, definito l’erede di Andy Warhol, è considerato un’icona della corrente Neo-pop manifestando i caratteri della globalizzazione e della miscela di culture diverse.

 

 

Ispirato al fenomeno tipico della società dell’industrializzazione, dall’acquisto di beni di consumo e dalla vita moderna, si pone come obiettivo il ravvicinamento del mondo umano all’arte così da annullare la differenza della cultura alta e bassa, al fine di mostrare come è possibile riconoscersi attraverso temi familiari e di facile comprensione.

 

 

Koons è considerato il re del Kitsch, tramite le sue opere mette in discussione il rapporto personale con l’arte stessa, portando così alla riflessione. L’effetto più originale delle sue opere è una dissonanza estetica: attrae il pubblico che non è stato abituato a disprezzare le opere allegre e colorate e disgusta chi non è stato educato a trovare il valore nelle opere più semplici e quotidiane.

 

 

 

 

La maison Louis Vuitton ha scelto l'artista Jeffrey Koons per la nuova collezione che sarà disponibile da giorno 28 aprile nei rivenditori ufficiali. Al museo del Louvre, è stata presentata "Masters ", la collezione d'arte che presenta i temi delle opere più famose dei grandi artisti: Da Vinci, Tiziano, Rubens, Fragonard e Van Gogh. Borse e accessori avranno uno charme a forma di coniglietto gonfiabile come firma di Koons e all'interno l'autobiografia e il ritratto del maestro dell'opera.