APR 20 2018

L'immaginario cattolico protagonista del Met Gala



Una volta lo chiamavano Met Ball, oggi è il Met Gala l'evento di raccolta fondi annuale per il Metropolitan Museum of Art's Costume Institute di New York City. Il Gala è uno degli eventi più importanti della città e viene organizzato in occasione dell'inaugurazione della mostra di moda annuale del museo nel mese di maggio, dedicata ad uno stilista celebre ogni anno.

 

 

Per individuare le origini dell'evento più famoso e glamour d'America bisogna tornare indietro di qualche decennio. Tra il 1948 e il 1971, il Met Gala era conosciuto come una cena di beneficenza che vedeva protagonista l'alta società newyorkese presso ristoranti di lusso. Solo successivamente questo evento ha assunto una forma ed uno scopo diverso; infatti, solo Anna Wintour, attuale direttrice di Vogue e capo dell'organizzazione che si occupa del Met Gala, ha saputo fare di quest'evento un vero show, riuscendo a catturare l'attenzione di celebri ospiti del calibro di Beyoncé, Madonna, Rihanna, Taylor Swift o Kyle Jenner e invitando tutti i vip, da Lil Kim alle sorelle Kardashian.

 

 

Ad esempio, il Met Gala di New York dell'anno passato ha preso vita l'1 maggio 2017, inaugurando ufficialmente la mostra Rei Kawakubo / Comme des Garçons: Art of the In-Between, dedicata all'arte della stilista giapponese e alla sua avanguardia, esponendo più di 100 capi della stilista che ha rivoluzionato la moda rompendone i canoni classici. La particolarità dell'evento sta nel fatto che gli invitati devono seguire un preciso dress code, ovvero un codice per il look da indossare la sera dell'evento, ispirato all'origine della mostra. L'anno scorso sul red carpet se ne sono viste delle belle, ma colei che ha lasciato tutti senza parole è stata la cantante Rihanna che ha indossato un abito stravagante e "poco appariscente", realizzato dalla stilista Kawakubo.

 

 

Fra qualche settimana assisteremo al Met Gala 2018 e la domanda che sorge spontanea è: quale sarà il tema di quest'anno? Come hanno rivelato diverse riviste di moda, il tema di quest'anno è il dialogo tra la moda e i capolavori dell'arte religiosa presenti all'interno della collezione del museo. Il titolo della mostra sarà Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination. La mostra presenterà l'influenza che la religione e il mondo sacro hanno avuto sulla moda. Lo stesso Vaticano parteciperà prestando 40 oggetti rari di significato religioso. Numerosi designer saranno presenti tra cui Dolce & Gabbana, Christopher Kane, Jeremy Scott e Jean Paul Gaultier, che hanno fattto riferimento alla religione nei loro lavori, il che potrebbe rendere la mostra molto interessante.

Lo stile prenderà vita sul red carpet del Gala che quest'anno vedrà come special guest Amal Clooney e Donatella Versace. Molti di voi si chiederanno se ad un evento così glamour vi possano partecipare solo star; non è così. Anche voi potrete partecipare all'inaugurazione della mostra di moda più attesa e cool dell'anno, ma solo se avete a disposizione cifre da capogiro che oscillano tra i 30mila e i 275mila euro per un solo biglietto. Ebbene sì, sono cifre irraggiungibili per noi persone comuni, ma è il prezzo da pagare per ritrovarvi vicino Beyoncé o Gigi Hadid.

Daphne Raiti


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...