GEN 31 2012

Essere o Apparire: questo è il problema



Shakespeare scrisse:” ESSERE O NON ESSERE, QUESTO E’ IL PROBLEMA”. Il dilemma ancora oggi potrebbe risultare attuale, anche se con una piccola modifica: “ESSERE O APPARIRE?”.

La domanda sorge spontanea quando ci guardiamo intorno. Infatti, quanti ragazzi/e vediamo in giro “conciati” un po’ (o forse troppo) male?


Spesso per chi studia moda, ma anche per chi non lo fa, l’apparenza è tutto, anche se in realtà non è proprio così. Basti da esempio la stampa leopardata che è, senza alcun dubbio, una fantasia molto vistosa (e forse per qualcuno esagerata) ma allo stesso tempo usata da molte per mostrarsi sensuali, apparendo, però, VOLGARI!

 

 

Infatti, soffermandosi un attimo ad osservare, intorno a noi si vedono molte ragazze che, consapevoli di poterlo indossare con classe, osano accostamenti fin troppo eccessivi e trash. Se spostiamo, però, lo sguardo sulle passerelle di un Roberto Cavalli la stessa vistosa ed esagerata fantasia si trasforma in un simbolo di eleganza mista a trasgressione.

 

 

Volendo citare un altro esempio, le paillettes, utilizzate dalle grandi griffe Krizia o Dolce&Gabbana che non risultano per nulla eccessive, al contrario, possono divenire chic, briose e ricordarci per un attimo il burlesque.

 

 

Quindi, mie care donne, utilizzate pure le fantasie piuttosto sfarzose ma evitate di esagerare. Pensate piuttosto ad essere voi stesse nella semplicità piuttosto che ad apparire (e quindi ad essere volutamente notate) e “casualmente” volgari.

 


Questo, ovviamente, non vale solo per le donne, ma anche per noi uomini, che mostriamo lo stesso interesse nell’apparire. Infatti, anche in questo caso gli esempi non mancano, vedi lo slip che oltrepassa la cintura, il pettorale messo in mostra da una camicia sbottonata o una maglietta particolarmente scollata. Cari uomini, per dimostrare la propria mascolinità non c’è bisogno di uscire “nudi”, anzi tutto il contrario!


A tutti voi, comunque, voglio dare un semplice consiglio: smettiamola di mostrarci per quello che non siamo. Se vogliamo seguire la moda facciamolo solo perché noi siamo così e vestirci in un modo o in un altro ci fa stare bene con noi stessi e non perché ci può far apparire diversi agli occhi degli altri!

 

 

E poi, se è vero che al mondo esistono due categorie di persone, quelle che si “VESTONO” e quelle che si “COPRONO”, perché allora “VESTIRSI MALE”?


Piaciuto quest'articolo? Leggi anche...