f
Fb. In. Tw. Yo.
Image Alt

Harimag

Chiara Ferragni tods

Tod’s: Chiara Ferragni entra nel cda

L’ingresso di Chiara Ferragni nel consiglio di amministrazione di Tod’s

società marchigiana di lusso e calzature, è stato motivato dalla società del presidente Diego Della Valle per portare avanti l’impegno sociale, la solidarietà verso il prossimo, la sostenibilità nel rispetto dell’ambiente e il dialogo con le giovani generazioni.

Chiara Ferragni è ormai una donna in carriera tout court che ha costruito il suo impero anticipando tempi, tendenze e modalità di business, e creando il suo blogzine “The Blonde Salad” e collezioni del suo omonimo marchio di moda “Chiara Ferragni Collection”.

L’effetto Ferragni

Le azioni del gruppo Tod’s sono scattate al rialzo a Piazza Affari a seguito della notizia, e se inizialmente Tod’s aveva chiuso con una capitalizzazione di 945 milioni di euro, ora ne vale quasi 1.040 con un “effetto Ferragni” quantificabile in quasi 100 milioni di euro. Le azioni hanno chiuso le contrattazioni in progresso del 14% a 32,74 euro.

Con la presenza della Ferragni, la società Tod’s prova a lasciarsi alle spalle il 2020, annus horribilis per il mondo della moda e per il business dell’azienda stessa.

Legge sulle quote genere

La legge sulle quote genere impone che il 40% dei componenti degli organi delle aziende quotate appartenga al genere femminile, e sta portando sempre più ad un mutamento sostanziale del quadro societario che vede salire a sei il numero delle donne che fanno parte dei consiglieri di amministrazione italiani. Gli analisti di Equita sim affermano: “Da un confronto con la società capiamo che la decisione di aprire le porte del cda a Chiara Ferragni risponde all’esigenza di aggiungere una componente femminile nel board per conformarsi all’aumento delle quote rosa dal 30% al 40% dei membri del cda”.

Ricordiamo anche come la Ferragni è sempre andata in profondità riguardo la questione dell’essere donna al giorno d’oggi, per questo motivo, ha sfruttato il potere di Instagram per sensibilizzare la società che ancora si muove tra gli strascichi patriarcali di vecchi retaggi culturali.

L’impegno sociale dell’influencer 

Chiara Ferragni è l’influencer più conosciuta in tutto il mondo, con oltre 23 milioni di seguaci su Instagram, è una figura importante che si è distinta su temi della solidarietà e su come veicolarli tra i giovani, inoltre insieme al marito Fedez ha avviato una raccolta fondi per finanziare il nuovo ospedale Covid di Milano e la donazione all’Ospedale San Raffaele.

Lo scorso dicembre abbiamo visto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, conferire ai Ferragnez il cosiddetto “Ambrogino d’oro 2020”: un premio simbolico per celebrare la concreta operosità e attivismo di chi si è particolarmente distinto durante il primo anno di pandemia.

L’impatto sui giovani di Chiara Ferragni in Tod’s

La Ferragni ha un potere mediatico abbastanza importante e di certo all’interno della società di Tod’s potrebbe supportare anche le decisioni del board su temi relativi alla comunicazione del brand e all’utilizzo dei social, contribuendo a migliorare l’appeal del marchio tra le generazioni più giovani. Già nel 2017, l’influencer era stata coinvolta da Tod’s in una campagna di comunicazione che aveva l’obiettivo di conquistare i millenial poco attratti dal marchio.

Allora era stato dato vita al progetto #Chiaralovestods: una sorta di edizione limitata rivolta ai consumatori più giovani.

Il presidente della società Diego Della Valle ha commentato: “Mi fa molto piacere che Chiara Ferragni sia entrata nel cda di Tod’s. La conoscenza di Chiara del mondo dei giovani sarà sicuramente preziosa.

Inoltre, insieme, cercheremo di costruire progetti solidali e di sostegno per chi ha più bisogno, sensibilizzando e coinvolgendo sempre di più le nuove generazioni in operazioni di questo tipo”.

Chiara Ferragni risponde: “Ringrazio Diego Della Valle per la fiducia e il rispetto che ha nei miei confronti come donna e manager. Unirmi al gruppo Tod’s significa dare voce alla mia generazione con una delle eccellenze dell’Italia nel mondo”.

 

 

 

 

 

Gloria Trombino

Post a Comment

You don't have permission to register